Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E' UN OSSERVATORE
Editoriale
Antonella Andriuolo
Antonella Andriuolo
LAVORO: MISSION (IM)POSSIBLE
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
KOLOSSALI!
Marino Midena
Marino Midena
CORTI, PICCOLI E DETERMINATI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Roberto Bianchi
Roberto Bianchi
SFIDE AL VOLANTE
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
GUERRE (produttive) E FANTASMI (seducenti)
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
AMORI, SPUNTINI E FATTACCI
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
COLPEVOLI, INNOCENTI E DERELITTI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
COSA ESCE DAL CILINDRO?
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
DOLCEMENTE PERVERSI E CONTRADDITTORI
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
LA QUALITA' E' NEL PICCOLO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
DETTO TRA NOI
Fabio Murru
Fabio Murru
INTELLIGENTE MALINCONIA
Johnson Righeira
Johnson Righeira
DAVIDE E GOLIA
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
STORIE CHE BUCANO LA PAGINA
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
POTREBBE ACCADERE DAVVERO...
Salvatore Satta
Salvatore Satta
BALLOON DA BUSINESS
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
Marcello Nardi
Marcello Nardi
APOCALITTICI E APODITTICI
Anadi Mishra
Anadi Mishra
ROBA DA LECCARSI I BAFFI
Lorenzo Tiezzi
Lorenzo Tiezzi
IL COME E IL PERCHE'
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
ROBERT OWENS: IL MOSE' DELL'HOUSE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
IL RIDICOLO IN MOSTRA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
ANANAS!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
DAL SACRO AL PROFANO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo V: PIANTAGIONI DI CANNA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
VOLI PINDARICI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
BALSAMARI, FIBRE D'AGAVE E RELITTI MARINI
Eva Buiatti
Eva Buiatti
A PRANZO CON RE FAROUK
Simona Marchini
Simona Marchini
CHI MUORE AL LAVORO
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PER GENTE DURA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
CI LANCIAMO SUGLI ETF?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
MA LE GAMBE, MA LE GAMBE...
Juri Chechi
Juri Chechi
VIAGGIARE HEALTHY
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
COSE KE AIUTANO A VIVERE
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
STRANI MA VERI
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
UNA BABILONIA DI IDEE
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
NEW KIDS NEW TREND
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
BATTITO D'ALI
Pratiche bestiali: emozioni animali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
LO SPORT DIVENTA ETICO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
FAMO TUTTO DA SOLI
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Pietro Romeo
Pietro Romeo
PER BAMBINI CURIOSI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
A VANTAGGIO DI TUTTI
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
MA CHE BIUTIFUL CAUNTRI!
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
CHI SI DISCOSTA E' + VICINO
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
UUUN'ESTATE AL MAREEE..
Eva Robin's
Eva Robin's
TUTTI AL CINEMA
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DONNA FELICITA'
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
HAI VOLUTO LA BICICLETTA?
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
ANTIAMERICANISMO
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Concetta Schiariti
Concetta Schiariti
COSCIENZE IN ALLARME
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
TIBET: LA SPERANZA SIAMO NOI
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
LIVORNO ALL'ARREMBAGGIO
Viaggi: muoversi per capire
Raffaella Milione
Raffaella Milione
UNIVERSI PARALLELI
Oroscopo: cultura stellare


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
TIBET: LA SPERANZA SIAMO NOI
Cerchiamo di capirne di più...
Tensioni in paradiso
Il 10 marzo, in occasione dell’anniversario della fallita sollevazione contro il governo cinese del 1959, sono iniziate le manifestazioni in Tibet, che hanno coinvolto in breve anche alcuni monasteri, a cui hanno subito risposto l’esercito e la polizia di Pechino, provocando decine di morti.
Le tensioni non sono nuove; ogni anno, i tibetani scendono in piazza per reclamare una maggiore autonomia da Pechino.
La novitá di quest’anno è data dalla maggiore presenza cinese e un livello di repressione eccessiva, se consideriamo le dimensioni dei due paesi e la non violenza praticata dai monaci (tanto che il dissidente Tsering Topgyal ha paragonato le manifestazioni alla “reazione di un bambino tranquillo e apparentemente debole che si ribella contro il bullo della scuola”).

free tibet

L’ombra sulle Olimpiadi
Le manifestazioni in Tibet avvengono a pochi mesi di distanza dalle Olimpiadi, evento che ha giá provocato proteste a livello internazionale. Jaques Rogge, Presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio) ha affermato che "la violenza non è compatibile con lo spirito olimpico", sottolineando che la repressione rischia di compromettere lo svolgimento dei giochi olimpici. Da parte sua Amnesty International mette in evidenza che "diventa sempre più chiaro che l'attuale ondata di repressione si produce proprio a causa e non malgrado le Olimpiadi", e che "nel tentativo di dare al mondo esterno un'immagine stabile e armoniosa entro l'agosto 2008, qualsiasi forma di dissenso viene repressa".

Dinamica del conflitto
Le tensioni “tradizionali” contro il regime autoritario di Pechino si uniscono al malessere civile della popolazione, che rivendica, attraverso strumenti non violenti, la lotta per la propria identitá culturale, cosí come accaduto nell’autunno scorso in Birmania, in cui l’anima della protesta era costituita proprio dai religiosi.
Nel Tibet, Pechino non puó permettersi cedimenti, in quanto la sua integritá territoriale è a rischio, minacciata da pressioni centrifughe interne (es. nella regione dello Xinjang) e internazionali (ad es. la questione di Taiwan). Per questo motivo, nella regione è iniziata da tempo una politica di “sinizzazione”, il cui obiettivo è “diluire” la cultura locale (vista l’impossibilitá di riuscire a sradicarla), attraverso l’immigrazione di coloni cinesi in tutto il Tibet.

La strategia di Pechino
Da anni, la politica cinese è per la “linea dura”, accompagnata peró da un rapido sviluppo economico, nella speranza che questo fosse in grado, da solo, di conquistare la fiducia della popolazione. Pertanto, a partire dal 2005, Pechino ha dichiarato di non essere piú interessata alle trattative con il Dalai Lama (accusato, con la sua “cricca” di aver organizzato la rivolta di questi giorni), i cui rappresentanti non sono stati riconosciuti; ha imposto forti limitazioni alle attivitá religiose agli studenti e alle famiglie dei dipendenti pubblici; ha inoltre chiesto una maggiore “educazione patriottica” nei monasteri, facendo aumentare il numero di quanti vedono nel raggiungimento dell’indipendenza l’unica garanzia di mantenimento della propria identitá.

La sfida del dialogo
In questa situazione, di apparente chiusura, la “vera” sfida per Pechino è quella di ragionare secondo canoni diversi, nella consapevolezza che la politica di emarginazione del Dalai Lama, anziché indebolirlo, lo abbia invece rafforzato agli occhi della sua popolazione e della comunitá internazionale; questo, peraltro, parla di “genocidio culturale” condotto ai danni della popolazione del Tibet, rifiuta l’etichetta di “leader separatista”, rivendicando non certo la piena indipendenza, ma solo una maggiore autonomia della regione, e ribadendo a piú riprese la necessitá del dialogo per raggiungere tale obiettivo.
La speranza dei tibetani è riposta nella comunitá internazionale, che da parte sua ha fino ad ora tenuto un atteggiamento di attendismo e cautela, limitandosi ad appelli alla moderazione nei confronti del governo cinese, per ottenere la liberazione dei detenuti politici e il rispetto delle tradizioni culturali della regione.
Tuttavia, a livello ufficiale, c’è ritrosia a utilizzare la parola “Olimpiadi” e questo è sicuramente un peccato, perché proprio la sensibilitá di Pechino su questo argomento potrebbe essere una leva efficace su cui agire per facilitare la ripresa del dialogo finalizzato al raggiungimento di un accordo per una maggiore autonomia della regione.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of May 2008
di Guido Dolara


 

Tramutare: trasformazioni evolutive
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node