Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E' UN OSSERVATORE
Editoriale
Antonella Andriuolo
Antonella Andriuolo
LAVORO: MISSION (IM)POSSIBLE
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
KOLOSSALI!
Marino Midena
Marino Midena
CORTI, PICCOLI E DETERMINATI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Roberto Bianchi
Roberto Bianchi
SFIDE AL VOLANTE
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
GUERRE (produttive) E FANTASMI (seducenti)
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
AMORI, SPUNTINI E FATTACCI
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
COLPEVOLI, INNOCENTI E DERELITTI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
COSA ESCE DAL CILINDRO?
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
DOLCEMENTE PERVERSI E CONTRADDITTORI
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
LA QUALITA' E' NEL PICCOLO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
DETTO TRA NOI
Fabio Murru
Fabio Murru
INTELLIGENTE MALINCONIA
Johnson Righeira
Johnson Righeira
DAVIDE E GOLIA
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
STORIE CHE BUCANO LA PAGINA
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
POTREBBE ACCADERE DAVVERO...
Salvatore Satta
Salvatore Satta
BALLOON DA BUSINESS
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
Marcello Nardi
Marcello Nardi
APOCALITTICI E APODITTICI
Anadi Mishra
Anadi Mishra
ROBA DA LECCARSI I BAFFI
Lorenzo Tiezzi
Lorenzo Tiezzi
IL COME E IL PERCHE'
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
ROBERT OWENS: IL MOSE' DELL'HOUSE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
IL RIDICOLO IN MOSTRA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
ANANAS!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
DAL SACRO AL PROFANO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo V: PIANTAGIONI DI CANNA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
VOLI PINDARICI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
BALSAMARI, FIBRE D'AGAVE E RELITTI MARINI
Eva Buiatti
Eva Buiatti
A PRANZO CON RE FAROUK
Simona Marchini
Simona Marchini
CHI MUORE AL LAVORO
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PER GENTE DURA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
CI LANCIAMO SUGLI ETF?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
MA LE GAMBE, MA LE GAMBE...
Juri Chechi
Juri Chechi
VIAGGIARE HEALTHY
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
COSE KE AIUTANO A VIVERE
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
STRANI MA VERI
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
UNA BABILONIA DI IDEE
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
NEW KIDS NEW TREND
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
BATTITO D'ALI
Pratiche bestiali: emozioni animali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
LO SPORT DIVENTA ETICO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
FAMO TUTTO DA SOLI
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Pietro Romeo
Pietro Romeo
PER BAMBINI CURIOSI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
A VANTAGGIO DI TUTTI
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
MA CHE BIUTIFUL CAUNTRI!
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
CHI SI DISCOSTA E' + VICINO
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
UUUN'ESTATE AL MAREEE..
Eva Robin's
Eva Robin's
TUTTI AL CINEMA
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DONNA FELICITA'
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
HAI VOLUTO LA BICICLETTA?
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
ANTIAMERICANISMO
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Concetta Schiariti
Concetta Schiariti
COSCIENZE IN ALLARME
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
TIBET: LA SPERANZA SIAMO NOI
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
LIVORNO ALL'ARREMBAGGIO
Viaggi: muoversi per capire
Raffaella Milione
Raffaella Milione
UNIVERSI PARALLELI
Oroscopo: cultura stellare


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
ANTIAMERICANISMO
Se sei contro la guerra e contro la pena di morte forse sei anche antiamericano. Ma non è detto...
Siamo antiamericani? Io certamente no: mia moglie e mia figlia sono cittadine americane; dal 1975 a oggi ho passato una decina di anni in America e considero gli Stati uniti la mia seconda patria. Ma, bisogna aggiungere, molti sono antiamericani, sia qui che in America.
L'antiamericanismo è un sentimento molto diffuso nel mondo ed è un'ideologia largamente condivisa, sia nelle culture di destra sia in quelle di sinistra. Secondo gli studiosi, l'antiamericanismo è un atteggiamento di ostilità preconcetta verso gli stereotipi del modo di vita americano, verso i gusti e i valori diffusi nella società americana. Recentemente, diciamo negli ultimi 15anni, l'antiamericanismo ha trovato terreno fertile nella cultura islamica e ha accentuato i suoi caratteri violenti di pregiudizio intollerante – esattamente come il razzismo, l'antisemitismo e il sessismo. Nei decenni precedenti esso costituiva un aspetto delle ideologie comunista, socialista, internazionalista.
In generale, l'antiamericanismo finisce con l'essere (un po' come l'antiglobalizzazione) un atteggiamento contrario alle conseguenze della modernità. Esso trascina con sé la Coca Cola e Bush, il capitalismo e la democrazia americana, i supermercati e la standardizzazione. Dunque, in sostanza, esso è un pregiudizio o meglio, un grappolo di pregiudizi. Ma come tutti i pregiudizi, ha una storia, e i fondamenti e le espressioni dell'antiamericanismo sono stati diversi nel tempo. Cerchiamo di capire come e perché.

usa

Nell'Ottocento, gli uomini e le donne di buon senso dell'Europa che viveva la crisi dell'Antico Regime guardavano all'America come all' esempio di un sistema politico e sociale fondato sulla libertà: dopo la rivoluzione americana e la rivoluzione francese sembravano esaurirsi sistemi di autorità, gerarchie sociali, organizzazioni politiche che avevano caratterizzato il dispotismo monarchico. L'America era la terra della democrazia. Si trattava però di una democrazia appartata, che non voleva essere un modello per nessuno. Gli europei guardavano con ammirazione alla sobria democrazia americana, gli americani guardavano all'Europa come alla culla della civiltà e della cultura.
Nel Novecento gli Stati uniti hanno via via affermato un loro ruolo mondiale non solo in termini di strategie politiche di conquista, ma anche nel senso dell'affermazione di un modo di vita basato sull'opulenza e sulla competizione che non da tutti era ben visto. A ciò si deve aggiungere il carattere controverso dell'intervento americano nella seconda guerra mondiale. Nel 1943, tutti i nazisti e i fascisti in Europa erano antiamericani. Furono sconfitti ma, vi assicuro, non erano pochi.

La guerra fredda e poi gli anni '60 e '70 cambiarono radicalmente la prospettiva. Da una parte gli Stati uniti ebbero la responsabilità di guidare la vittoriosa battaglia contro il comunismo (cioè contro un sistema sociale totalitario che non esitava a compiere crimini pur di sopravvivere), dall'altra essi condussero quella battaglia in modo spesso troppo spregiudicato senza applicare quei principi di tolleranza, libertà e democrazia per i quali erano conosciuti e rispettati. Per un lungo periodo di tempo gli Stati uniti non esitarono ad appoggiare regimi sanguinari (in Africa, in Asia, nell'America Latina) in una visione semplificata e di comodo della lotta contro il comunismo.
Fu allora che gli Stati uniti si alienarono le simpatie della sinistra europea ed è di lì che maturò quel grappolo di idee nel quale antiimperialismo, anticolonialismo, anticapitalismo, antiamericanismo si sostenevano a vicenda.
La sostanza di quelle idee arriva fino a noi, e rischia di non farci vedere con chiarezza (o di farci dimenticare) che l'America è parte della nostra identità e della nostra eredità occidentale, dell'etica protestante e dello spirito del capitalismo, della tolleranza di Voltaire e della libertà di Benjamin Constant.
E' ragionevole pensare che Bush e la sua amministrazione non siano una merce particolarmente pregiata. Ma sono una scelta che i cittadini americani possono liberamente rifiutare optando per Obama, Clinton o McCain. Mentre ancora esistono regimi dittatoriali e sanguinari, squisitamente antiamericani, in cui la libertà di scelta non esiste ed è ancora legittima l'eliminazione fisica dell'avversario politico.
Situazione difficile per chi, come me, è contro la guerra e contro la pena di morte e non è antiamericano. Ma sono proprio queste contraddizioni che aiutano a pensare e a liberarsi dai pregiudizi.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of May 2008
di Guido Dolara


 

Loro: dal colosso USA x capirci di +
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node