Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA BUSSOLA
Editoriale
La Sapienza Laboratori
La Sapienza Laboratori
LA NUOVA VITA DEI CENTRI SOCIALI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
FUGA DAL NUOVO MONDO
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
INDIPENDENTI E DOCUMENTATI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
OBIETTIVO POSITIVO
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
IRRIVERENTE, IBRIDANTE, DIVERTENTE!
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
DESTABILIZZATI E CONTENTI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
NON L'HO VISTO MA CI CREDO!
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
SPAGHETTI MAFIA
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
QUALCOSA DI SCOMPOSTO E IMPROVVISO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
LIBRI CHE SUONANO
Fabio Murru
Fabio Murru
GIOVANI BELLI E PERDUTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
EUROPA: FUCINA DI CREATIVITA'
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LA FELICITA'? UNO SHAMPOO ALLO ZABAIONE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
COSA HANNO IN COMUNE?
Salvatore Satta
Salvatore Satta
S.O.S. BALLOON
Paola Turci
Paola Turci
PERSI PER STRADA
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
RAGIONE E SENTIMENTO
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
ONDA CHE VA ONDA CHE VIENE
Desiree Nardone
Desiree Nardone
CHI CAMBIA PELLE ECCELLE
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
UN ASSAGGIO MOLTO GROOVE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
LA CONSACRAZIONE DEL FUMETTO
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
UN FORMAGGIO NATO STANCO!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
GORGONZOLA: ODIO O AMORE?
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo XII: EPILOGO EMILIANO
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
SLANCIO IRREQUIETO
Luca Beatrice
Luca Beatrice
POTERE DI SEDUZIONE
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
DUDUDU E DADADA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
CHE RAZZA DI TOPO C'E' IN TE?
Simona Marchini
Simona Marchini
DA RIGA CON FURORE
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CHI MOLTO PRATICA MOLTO IMPARA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
MERCATO + LIBERO O + BARBARO?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
INFLUENZA&Co
Juri Chechi
Juri Chechi
A BUONA VOLONTA' NON MANCA FACOLTA'
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
LA SOLUZIONE PER TUTTI I REGALI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
SAREMO TUTTI 007
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PREMI KE VANNO, MOSTRE KE VENGONO
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
TUTTI A CASA DI BABBO NATALE
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
E DOPO IL PORCO DI OTTOBRE LO “SPINO” DI DICEMBRE!
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
CHE VOLTO HA UN ATLETA GAY?
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TRIBU IN MOVIMENTO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SIAMO TUTTI ESPERTI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
NATALE? ECO-LO!
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
ABITARE BENE, ABITARE ECO
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
L'UOMO DI ABILITA' MOSTRA SUL VISO LA SUA CAPACITA'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
A TUTTOTEATRO
Eva Robin's
Eva Robin's
ME LA GODO A SFASCIO
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
SCIENZA BLUES E PAROLE
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MERCATI, MARKETS, MERCADOS
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
CAMPUS: UN SALTO NEL BUIO
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
PARADISE LOST
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SPALLE AL MURO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
TORNIAMO IN BOLIVIA?
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
TORNIAMO IN BOLIVIA?
Cochabamba, terra quechua sempre calda
A 2600 metri di altezza, Cochabamba è famosa in tutto il paese per il suo microclima, dove ci sono 20° tutto l’anno. In mezzo alla Cordigliera delle Ande, e in lontananza si eleva la montagna del Tunari che domina questa regione da oltre 5000 metri. La città accoglie più di 600.000 abitanti, chiamati cochalas, che dicono di loro stessi essere i “migliori articoli di esportazione” del paese; 100.000 vivono a Washington, e costituiscono la prima minoranza ispanofona della capitale degli Stati Uniti.
Il centro si trova fra  4 avenidas e nel mezzo la Plaza 14 de Septiembre che ha un’architettura di ispirazione mediterranea, con archi che circondano la piazza, dei vecchi bazar, delle palme e la cattedrale della città. Da notare nel cuore della piazza un’enorme statua di un condor multicolore segno di un’ arte kitsch sorprendente.

Da vedere…
Il Museo di antropologia, a Calle 25 de Mayo, fra Heroinas e Colombia, è aperto dal lunedi al venerdi, dalle 9h alle 12h e dalle 14h alle 18h. Si trovano una serie di oggetti incas, e anche i resti dell’uomo più vecchio della Bolivia (oltre14.000 anni a.c.!)
Occhio anche al Cristo della concordia, costruito sopra al bellissimo giardino botanico! Un altro punto di vista dall’alto è quello che si trova al monumento della Coronilla, dedicato alle donne che lottarono contro l’armata spagnola di Goyeneche nel 1812.

Un gelato irresistibile
Per passeggiare in mezzo ad alberi e vari bar e ristoranti che si animano nel fine settimana, si va sul Prado, dove di sera i cochalas vanno a prendere aria, e magari anche un bel gelato da Dumbo che offre una varietà di oltre 40 sapori, e siccome in Bolivia si mangiano pochi gelati buoni o se ne ha poca voglia visto il clima piuttosto freddolino in genere, qui è un’occasione per rifarsi! Avenida Heroinas, 354.

Valle Alto e la strada della chicha e dei mercatini
Il Valle Alto è spruzzato di paesini dai nomi invitanti: Tarata, Epizana, Waiculi, Arani... in tutto sono dodici, alcuni dei quali sono stati abbandonati dopo i conflitti dovuti alla riforma agraria del 1953! Ognuno di quelli che rimangono abitati, organizza a turno un mercato, che sia della patata, ceramica, maïs... La chicha è la bevanda locale tipica di mais fermentato, che pare sia la migliore del paese. In molti posti viene servita nelle “tutuma”, bicchieri di ceramica.

A Tarata si trova un convento francescano del XVIII secolo, cosi come la casa di due personaggi storici boliviani: Melgarejo e Barrientos. La loro antica dimora, fra l’altro è diventata una delle migliori “chicherias” del villaggio. A Punata, il martedì si organizza il più grande mercato della regione. Qui si conta una chicheria ogni 5 persone ed è impossibile rifiutare un bicchierino o una tutuma! Con l’arrivo delle ferrovie, la chicha aiutò a stimolare l’economia regionale dopo la grave crisi della fine del XIX.
Si puo’ andare anche fino a Inka Rakay, a 30km da Cochabamba, e la passeggiata è stupenda, quanto la vista sulla valle di Cochabamba.

Mangiare, tanto e bene!
Si dice che Cochabamba sia il posto in cui si mangia meglio, partendo dal mercato centrale pieno di colori e sapori, dove ci si ferma volentieri a bere spremute di frutta mai vista e pani in tutte le salse e un “almuerzo” (pranzo) ottimo.
El Mercado
, Jordan, entre Esteban-Arze e 25 de mayo. Senza dimenticare il mercato La Cancha (che significa lo stadio), considerato come il mercato più fornito e enorme di tutti quelli boliviani. Comincia fra l’avenida San-Martin e la calle Brasil e si stende su un’ area indefinibile. Qui si trova di tutto: da uno spillo a una carovana di lama, passando dai jeans Levi’s alle scarpe Puma...
La sajra hora è una delle tradizioni piacevoli del posto che consiste nel mangiare un “mezzo piatto”, verso le 17h, prima della cena. Fra le specialità proposte, il silpancho, specie di scaloppina alla milanese che è buonissima, al Palacio del Silpancho, Mayor Rocha-Esquina Baptista, aperto dalle 17h in poi, appunto!
Al Sucre Manta, sono tutte ricette della nonna in un ambiente campagnolo e con una grande scelta di mais della regione. La specialità è il chorizo di Chuquisaca, senza dimenticare una stanzetta annessa dove si fa il caffè espresso! Calle Ballivian, N-560.

Dormire
Residencial Elisa, Augustin Lopez, S-834, tel: 04-423 51 02, 10 $ per una doppia con bagno. Semplice e piacevole.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of December 2007
di Guido Dolara

CuLt - Dicembre 2007


 

Viaggi: muoversi per capire
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node