Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA BUSSOLA
Editoriale
La Sapienza Laboratori
La Sapienza Laboratori
LA NUOVA VITA DEI CENTRI SOCIALI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
FUGA DAL NUOVO MONDO
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
INDIPENDENTI E DOCUMENTATI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
OBIETTIVO POSITIVO
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
IRRIVERENTE, IBRIDANTE, DIVERTENTE!
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
DESTABILIZZATI E CONTENTI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
NON L'HO VISTO MA CI CREDO!
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
SPAGHETTI MAFIA
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
QUALCOSA DI SCOMPOSTO E IMPROVVISO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
LIBRI CHE SUONANO
Fabio Murru
Fabio Murru
GIOVANI BELLI E PERDUTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
EUROPA: FUCINA DI CREATIVITA'
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LA FELICITA'? UNO SHAMPOO ALLO ZABAIONE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
COSA HANNO IN COMUNE?
Salvatore Satta
Salvatore Satta
S.O.S. BALLOON
Paola Turci
Paola Turci
PERSI PER STRADA
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
RAGIONE E SENTIMENTO
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
ONDA CHE VA ONDA CHE VIENE
Desiree Nardone
Desiree Nardone
CHI CAMBIA PELLE ECCELLE
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
UN ASSAGGIO MOLTO GROOVE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
LA CONSACRAZIONE DEL FUMETTO
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
UN FORMAGGIO NATO STANCO!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
GORGONZOLA: ODIO O AMORE?
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo XII: EPILOGO EMILIANO
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
SLANCIO IRREQUIETO
Luca Beatrice
Luca Beatrice
POTERE DI SEDUZIONE
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
DUDUDU E DADADA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
CHE RAZZA DI TOPO C'E' IN TE?
Simona Marchini
Simona Marchini
DA RIGA CON FURORE
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CHI MOLTO PRATICA MOLTO IMPARA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
MERCATO + LIBERO O + BARBARO?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
INFLUENZA&Co
Juri Chechi
Juri Chechi
A BUONA VOLONTA' NON MANCA FACOLTA'
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
LA SOLUZIONE PER TUTTI I REGALI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
SAREMO TUTTI 007
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PREMI KE VANNO, MOSTRE KE VENGONO
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
TUTTI A CASA DI BABBO NATALE
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
E DOPO IL PORCO DI OTTOBRE LO “SPINO” DI DICEMBRE!
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
CHE VOLTO HA UN ATLETA GAY?
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TRIBU IN MOVIMENTO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SIAMO TUTTI ESPERTI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
NATALE? ECO-LO!
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
ABITARE BENE, ABITARE ECO
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
L'UOMO DI ABILITA' MOSTRA SUL VISO LA SUA CAPACITA'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
A TUTTOTEATRO
Eva Robin's
Eva Robin's
ME LA GODO A SFASCIO
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
SCIENZA BLUES E PAROLE
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MERCATI, MARKETS, MERCADOS
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
CAMPUS: UN SALTO NEL BUIO
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
PARADISE LOST
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SPALLE AL MURO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
TORNIAMO IN BOLIVIA?
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
SPALLE AL MURO
Se i governi mettono spalle al muro terroristi e criminali, questi non fanno che inasprire la loro violenza e il loro spirito vendicativo. Qual è l'alternativa allora? Il dialogo e la negoziazione
Quella sera al teatro Dubrovka…
Sono passati da poco 5 anni dalla sera del 23 ottobre 2002, quando un gruppo di oltre 50 guerriglieri ceceni ha preso in ostaggio oltre 950 persone al teatro Dubrovka, a Mosca, durante la rappresentazione dello spettacolo musicale Nord-Ost. Dopo tre giorni, all’alba del 26 ottobre il reparto di forze speciali russe, le Brigate Alfa, attaccano il teatro con un non meglio specificato gas paralizzante, uccidendo i sequestratori e oltre 170 ostaggi (le conseguenze dell’attacco, tra cui la scarsa organizzazione dei soccorsi, causa la morte di oltre 200 persone - alcuni parlano addirittura di 300).

Il sequestro avviene nel contesto del conflitto che riguarda la Cecenia, regione del Caucaso grande come l’Umbria e popolata da circa un milione di persone, da sempre oggetto di forti tensioni con Mosca (i ceceni sono soliti dire che “la guerra dura da 400 anni”). Dopo la fine dell’Unione Sovietica la regione proclama l’indipendenza, a cui (1994) il presidente russo Boris Eltsin risponde con l’invasione. La prima guerra cecena termina nel 1996 e dà alla regione un periodo di relativa calma, che tuttavia dura poco, in quanto, nel 1999, inizia la seconda guerra cecena, che porta al potere e all’attenzione internazionale Vladimir Putin.

La reazione di Putin
Il sequestro segna l’inizio di un periodo nuovo nella questione cecena, in cui il terrore prende il posto delle azioni di guerriglia, i separatisti scelgono la via del terrorismo “suicida” contro i civili (per es. tramite la partecipazione delle donne-kamikaze, le c.d. “vedove nere”) e sempre più il separatismo ceceno assume connotati islamici. Il sequestro è un duro colpo per il prestigio del presidente, salito al potere proprio con l’obiettivo di sedare la ribellione cecena, dimostrando che anni di guerra e migliaia di soldati russi caduti sul campo non hanno impedito ai ceceni di abbandonare le montagne del Caucaso e portare il terrore a soli cinque km. dal Cremlino.
La reazione di Putin è forte, in linea con la sua politica nel Caucaso: collega il sequestro alle centrali del terrorismo internazionale e a Bin Laden, non accetta alcun cedimento nei confronti dei ceceni e rifiuta “ogni tipo di dialogo con i terroristi”.

Negoziare con i terroristi?
In occasione dei sequestri di ostaggi, spesso la risposta “ufficiale” è quella di escludere la trattativa, per non “legittimare” i sequestratori e cedere al loro ricatto, facendo “perdere la faccia” alle autorità. Tale approccio tuttavia non tiene in considerazione un aspetto essenziale, ossia che negoziare non significa automaticamente “cedere”, in quanto l’oggetto della trattativa può riguardare non solo e non tanto le richieste dei sequestratori (per es. nel caso di Dubrovka, il ritiro dei militari russi dalla Cecenia entro una settimana, ovviamente inaccettabile per il governo russo), quanto gli aspetti relativi alla situazione stessa (per es. la condizione degli ostaggi, eventuali concessioni su distribuzione di cibo, medicinali, acqua,…).

Inoltre, i contatti possono avvenire a livello “non ufficiale”, da parte di rappresentanti della società civile, non coinvolti a livello istituzionale. Escludere canali comunicativi significa rinunciare all’unico strumento concreto per cercare di risolvere la situazione in modo “alternativo” all’uso della forza, perché permette di “prendere tempo”, tenendo sotto controllo la situazione, “alterando” la percezione della situazione da parte dei sequestratori (l’esperienza dimostra che a prescindere dalle dichiarazioni iniziali dei sequestratori, spesso orientate verso soluzioni estreme, solo in pochi casi queste avvengono veramente e più tempo passa e più aumentano le probabilità per soluzioni non violente).

Le opportunità alternative
In occasione del sequestro di Mosca, purtroppo le cose sono andate diversamente e il governo russo si è dimostrato preoccupato soprattutto di mostrare fermezza e determinazione, anche a costo di perdere molte vite. Fin da subito ha mostrato di avere fretta di risolvere la crisi, cercando fin da subito di voler forzare la situazione. Inoltre, ha concentrato l’attenzione solo sulla richiesta “ufficiale” dei sequestratori, non aprendo canali ufficiali, limitandosi a fare appelli pubblici (attraverso i media) e non “lavorando” su aspetti sui quali la trattativa avrebbe potuto essere efficace, ad es. la revisione delle modalitá con cui, da anni, avvengono le operazioni militari in Cecenia (veri e propri rastrellamenti, già ampiamente denunciati dalle organizzazioni umanitarie).

Esistevano inoltre le condizioni per cercare soluzioni alternative: nonostante tutto, sono avvenuti diversi tentativi di dialogo “informale”, di deputati dell’opposizione e di rappresentanti della società civile. In molti casi questi si sono conclusi con il rilascio di diverso ostaggi (alla fine saranno oltre 250, un quarto circa sul numero totale), segno che questa (così come accaduto in altre crisi) poteva essere una delle strade da percorrere per ottenere il rilascio di un numero ancora superiore di ostaggi. Serviva volontà, ma anche una organizzazione efficace, cosa non avvenuta né in sede di gestione della crisi e tantomeno in sede successiva (molti ostaggi sono morti soltanto perché non sono stati soccorsi in tempo…).

sequestro del teatro Dubrovka a Mosca
Sequestro del teatro Dubrovka a Mosca (ottobre 2002)

Un ricordo di Anna Politkovskaja…
Un anno fa, la sera del 7 ottobre 2006, la giornalista Anna Politkovskaja è stata uccisa in circostanze ancora non del tutto chiarite; voce “coraggiosa” contro la politica cecena del governo Putin è stata protagonista di uno dei tentativi di negoziato durante il sequestro di Dubrovka. Vorrei chiudere con una sua riflessione che descrive in maniera efficace la situazione cecena: “Esistono solo due alternative: vivere nella perenne incertezza oppure rendersi conto che più aumenta la violenza, il sangue, le vittime, i sequestri e le umiliazioni più si moltiplicano quelli che vogliono vendicarsi, nonostante tutto e malgrado tutto. E più arrivano nuove reclute nell’esercito di chi vuole morire vendicandosi. E poiché questa guerra non si combatterà sul campo di battaglia, ma accanto a noi e con la partecipazione di gente che non c’entra niente – noi tutti - saremo condannati a un altro Nord-Ost, e nessuno potrà sentirsi sicuro in nessun luogo, per strada come nel proprio appartamento. Un uomo con le spalle al muro inventa metodi sempre più astuti per vendicarsi”. Due anni dopo, purtroppo, questa previsione verrà confermata con un altro tragico sequestro, quello della scuola di Beslan…
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of December 2007
di Guido Dolara

CuLt - Dicembre 2007


 

Tramutare: trasformazioni evolutive
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node