Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA BUSSOLA
Editoriale
La Sapienza Laboratori
La Sapienza Laboratori
LA NUOVA VITA DEI CENTRI SOCIALI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
FUGA DAL NUOVO MONDO
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
INDIPENDENTI E DOCUMENTATI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
OBIETTIVO POSITIVO
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
IRRIVERENTE, IBRIDANTE, DIVERTENTE!
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
DESTABILIZZATI E CONTENTI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
NON L'HO VISTO MA CI CREDO!
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
SPAGHETTI MAFIA
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
QUALCOSA DI SCOMPOSTO E IMPROVVISO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
LIBRI CHE SUONANO
Fabio Murru
Fabio Murru
GIOVANI BELLI E PERDUTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
EUROPA: FUCINA DI CREATIVITA'
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LA FELICITA'? UNO SHAMPOO ALLO ZABAIONE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
COSA HANNO IN COMUNE?
Salvatore Satta
Salvatore Satta
S.O.S. BALLOON
Paola Turci
Paola Turci
PERSI PER STRADA
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
RAGIONE E SENTIMENTO
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
ONDA CHE VA ONDA CHE VIENE
Desiree Nardone
Desiree Nardone
CHI CAMBIA PELLE ECCELLE
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
UN ASSAGGIO MOLTO GROOVE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
LA CONSACRAZIONE DEL FUMETTO
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
UN FORMAGGIO NATO STANCO!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
GORGONZOLA: ODIO O AMORE?
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo XII: EPILOGO EMILIANO
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
SLANCIO IRREQUIETO
Luca Beatrice
Luca Beatrice
POTERE DI SEDUZIONE
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
DUDUDU E DADADA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
CHE RAZZA DI TOPO C'E' IN TE?
Simona Marchini
Simona Marchini
DA RIGA CON FURORE
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CHI MOLTO PRATICA MOLTO IMPARA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
MERCATO + LIBERO O + BARBARO?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
INFLUENZA&Co
Juri Chechi
Juri Chechi
A BUONA VOLONTA' NON MANCA FACOLTA'
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
LA SOLUZIONE PER TUTTI I REGALI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
SAREMO TUTTI 007
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PREMI KE VANNO, MOSTRE KE VENGONO
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
TUTTI A CASA DI BABBO NATALE
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
E DOPO IL PORCO DI OTTOBRE LO “SPINO” DI DICEMBRE!
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
CHE VOLTO HA UN ATLETA GAY?
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TRIBU IN MOVIMENTO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SIAMO TUTTI ESPERTI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
NATALE? ECO-LO!
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
ABITARE BENE, ABITARE ECO
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
L'UOMO DI ABILITA' MOSTRA SUL VISO LA SUA CAPACITA'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
A TUTTOTEATRO
Eva Robin's
Eva Robin's
ME LA GODO A SFASCIO
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
SCIENZA BLUES E PAROLE
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MERCATI, MARKETS, MERCADOS
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
CAMPUS: UN SALTO NEL BUIO
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
PARADISE LOST
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SPALLE AL MURO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
TORNIAMO IN BOLIVIA?
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
Capitolo XII: EPILOGO EMILIANO
Lo portai a mangiare un panino in un Mc Donald’s, pensando di farlo contento ma lui non toccò quasi cibo...
Scendemmo all’aeroporto di Bologna in pieno autunno. L’Europa continentale ci accolse con una spalmata di nuvole basse ed una punta di freddo. Affittai una macchina ma non prima di aver comprato a Samuel una giacca a vento gialla direttamente in aerostazione. Io mi ero infilato un pile verde trovato nello zaino. Dovevamo essere una strana accoppiata, conciati come la nazionale brasiliana.
Salimmo in auto e ci buttammo in autostrada, verso l’estrema Bassa parmense. Samuel guardava fuori e non staccava lo sguardo sulla teoria di campi coltivati, regolari come disegni, quasi eccessivi. A me irritava il numero esagerato di esseri umani che sguaiatamente occupavano spazio. Uscii nella viabilità locale, sperando di trovarne meno. Cominciai, invece, ad aggrapparmi ai chilometri.  
Non parlavamo. La luce grigia uniforme stava tingendosi del giallo delle lampade stradali. Samuel era serio. La mancanza di felicità era stata brusca e persistente. Non riuscivo a ricordare, e mi sforzavo di farlo, quando avessi visto la traccia del suo ultimo sorriso. Mi mancava il fiato. Rallentai. La bassa padana aveva un orizzonte così basso e opprimente. Nel cielo le nubi tappavano l’aria. In quel momento mi fu chiara la distanza dal luogo, dal pianeta, da cui provenivamo.
Guidavo tra le strade provinciali come sulle piste africane, ma c’era sempre qualcosa che interrompeva quella specie di cerimonia: un traliccio, un ponte, un centro commerciale. Lungo un rettilineo un cartello faceva bella mostra di sé.
45° Parallelo: metà strada  tra Equatore e Polo Nord.
Fermai l’auto. Samuel non mi chiese nulla. Eravamo arrivati. Troppo presto.
Come per uno scherzo, poche centinaia di metri più avanti si diramava il vialetto della cascina dei nonni.
Restammo in silenzio per minuti. Immaginai che Samuel avesse capito e che non mi chiedesse consapevolmente di percorrere quel tratto. La parola abbandono mi percuoteva le tempie. Sentivo che se l’avessi condotto in quel momento a casa, alla antica casa paterna, quelle mura lo avrebbero inghiottito, sputando via me. Lo stomaco era annodato, chiusi anche gli occhi. Fuori nulla. Solo un  respiro leggero.
Toccai appena il volante. La macchina si mosse, ma verso l’autostrada. Non aveva senso quello che stavo per fare. Non aveva senso ma la cascina sfumava dietro. Samuel si voltò. La pioggia cominciò a scendere.
- Non sarà poi così grave se ritarderemo un po’- Pensai, spegnendo il cellulare.
L’autostrada ci scavalcò su un viadotto. La strada era secondaria e deserta. Assaporai la lontananza fisica dal mondo. Eravamo solo noi due. Scorsi un breve sorriso complice sulle sue labbra. O perlomeno mi giustificai così.
Scendemmo in un motel non troppo lontano dallo svincolo. Mi sembrò una buona idea avere una via di fuga. Avrei deciso poi che direzione prendere. Lo portai a mangiare un panino in un Mc Donald’s, pensando di farlo contento ma lui non toccò quasi cibo. La luce era ormai scivolata nella sera senza traumi. La notte in Italia non è mai buia.
Lo guardai addormentarsi in un letto estraneo, e questo era prevedibile. Aveva uno sguardo estraneo e questo non me lo aspettavo. Rimasi appoggiato alla finestra. Guardavo la stanza riflessa nel vetro e l’umidità e il mondo, il mio, fuori. Fari indifferenti abbagliavano un cavalcavia. Nel parcheggio l’auto a nolo aspettava.  Aspettava che scendessi poco prima dell’alba con in braccio un fagotto giallo. Aspettava di poter veder chiudere oltre gli sportelli una povera storia tragica. Aspettava che io partissi verso una storia nuova, dall’assurda partenza verso un luminoso finale. –Si può fare- Sognavo.
Restai tutta la notte sveglio a capire come.

Quando scendemmo, i genitori di Giampaolo erano in piedi, alla porta della cascina. Accompagnai Samuel.
-    Siamo un po’ in ritardo. – Dissi.
La nonna mi guardò da capo a piedi, perforandomi con quegli occhi da donna emiliana che sembravano aver capito tutto.
Il nonno abbracciò il bambino e piangeva, mi parve. Pensai anche che forse stava esagerando. Ma mi morsi la lingua, immaginando che doveva aver avuto qualche dubbio, la notte precedente. Come me.
Adesso devo andare.”
Non si ferma a mangiare un piatto di tagliatelle?” 
Non era di quell’alimento che avevo bisogno.
Amedeo... Torna?” Disse lui.
Questo era il cibo di cui volevo nutrirmi.
Certo Samuel. Mi chiami e in due ore sarò qui.” Forse piangevo anche io.
Venga quando vuole a trovarlo, è casa sua. E porti anche la sua signora.”
La  mia signora... Cosa dirò alla mia signora? Quando mi chiederà: perché lo hai portato?
Perché?
Perché lo avevo promesso. Perché era logico. Perché non ne avevo diritto. Perché queste due brave persone non meritavano altro. Perché sono loro la sua famiglia. E perché non si può sparire nel nulla.
Lei allora resterà in silenzio come dopo un lungo pensiero.
-    Credi che sarà felice? – Dirà.
E io la guarderò con occhi interrogativi, pensando che l’amo.
L’amo perché sa sempre porre la domanda giusta.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of December 2007
di Guido Dolara

CuLt - Dicembre 2007


 

Httivare: il mio romanzo
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node