Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA CURA
Editoriale
Manuela Ardingo
Manuela Ardingo
CRAZY PETing!
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
LA QUIETE DEL POST-FESTIVAL
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
NOI, SPERIAMO DI FARLO CORTO
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
IL PROTAGONISTA SONO IO
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
PARADOSSALE E GROTTESCO
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
CI VUOLE ORECCHIO
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
AFFRESCHI SOCIALI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
COSA C'E' IN BALLO?
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
MUSICA KE TRASCINA E COAGULA
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
ALTO TASSO TELLURICO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
SASSOFONO E CHITARRA
Fabio Murru
Fabio Murru
TOCCATA E FUGA
Johnson Righeira
Johnson Righeira
CANZONE DAVVERO D'AUTORE
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
SGUAZZIAMO TRA LE PAGINE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
PRECARIATO MARTORIATO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
IO SCOMMETTO SUL FUMETTO
Paola Turci
Paola Turci
LA 500 BLU
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Andrea Lisi
Andrea Lisi
UMORI MITTLEUROPEI
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
SERATE CON TUTTI I CRISMI
Desiree Nardone
Desiree Nardone
SHARING PASSION@ROME&MILAN
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
MEDITERRANEO DA SCOPRIRE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
I PIONIERI DEL CINEMA TRASH
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
PATE'!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
SUA MAESTA', SI ACCOMODI SUL CUCCHIAIO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo XI: OMBRA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
UNA VOLTA ANCORA
Luca Beatrice
Luca Beatrice
SUPERA I CONFINI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
MAI SENZA CAPPELLO E PROFUMO
Eva Buiatti
Eva Buiatti
SE 6 UNA STREGA TI INVITO
Simona Marchini
Simona Marchini
SCOMMETTO SU DI TE
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
DALL'ECO-INNOVAZIONE ALLA GASTRO-EMOZIONE
Corsi: possibilità senza margini
Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro
NON FARTI COGLIERE IMPREPARATO!
Life&cash: economie virtuali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
RILASSATI SEI INCINTA
Juri Chechi
Juri Chechi
LA COSTRUZIONE DELLA SERENITA'
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
GLI INTELLIGENTI SIETE VOI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
COMODO E SICURO
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
NOSTALGIA DI MARE?
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
CUORE ALLEGRO E MANI ZOZZE
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
IN PRINCIPIO ERA ... IL PORCO
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
OCCHIO AL CRONOMETRO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SOGNO DI MEZZ'AUTUNNO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
E CHE CCE VO'?
Net: viaggio tra i segreti della rete
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
QUI CI VIVO IO
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
TOCCAMI
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
FESTI...VAL LA PENA!
Eva Robin's
Eva Robin's
SE X ESEMPIO SEI UN ARTISTA QUEER...
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
MOLLA IL FUMO E DATTI A VINO E MUSICA!
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MARCONDIRONDIRONDA'
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
LA GUERRA DI HALLOWEEN
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Monica Di Sisto
Monica Di Sisto
PERCHE' SI SAPPIA
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
LA DIMORA DEI FUR
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
BOLIVIA, DOVE L'IMPREVISTO E' SEMPRE POSSIBILE
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
BOLIVIA, DOVE L'IMPREVISTO E' SEMPRE POSSIBILE
La Bolivia colpisce, appena ci si arriva, per i suoi contrasti sconcertanti, per le 3 lingue che vi si parlano normalmente, per il freddo agghiacciante che cala improvviso...
Bolivia!
Dall'Argentina si passa la frontiera boliviana, attraversando un ponte a piedi, con tanto di zaini, valige e pacchi vari secondo l'obiettivo del viaggio.
Ci si ritrova in mezzo a una fila di gente, che in molti casi passa su questo ponte due volte al giorno trasportando merce comprata a poco prezzo, da rivendere almeno al doppio nei mercatini argentini, molto più visitati dai turisti rispetto a quelli boliviani.
Su 8 milioni di abitanti, 6 milioni sono «indios» e tre sono le lingue ufficiali: lo spagnolo, l'aymara (parlato nella parte nord) e il quechua (parlato nella parte sud). Dal paesino di Villazon, passato il ponte, partono gli autobus per varie destinazioni attraverso il paese. Bisogna essere pazienti e saper aspettare a volte tante ore prima di trovare posto e pensare a coprirsi bene perché una volta il sole scomparso, cala un freddo agghiacciante. Si vedono spesso i passeggeri salire sugli autobus con chili di coperte e maglioni di lana che man mano che si fa tardi nella notte, vengono tirati fuori. Così dopo una decina di ore agitate su strade poco o per niente asfaltate si arriva, per esempio, a Potosi.

A + di 4000 metri c'è Potosi
A un'altezza che supera i 4000 metri, Potosi è una città imperiale. Dopo aver assaporato ben 3 secoli di ricchezza intensa, questo antico riferimento del «nuovo mondo» è ormai relegata a una posizione molto modesta. In effetti, oggi figura tra le più povere del paese, ai piedi della montagna che prima le aveva procurato una gloria storica, il Cerro Rico. Il corpo del viaggiatore, e soprattutto la testa, risente subito l'altezza del luogo e il «soroche» (mal di altitudine) è una delle prove obbligatorie che deve superare il turista, poco abituato a starsene sulle cime. Aiuta a non sentire troppo la sensazione di pesantezza, sia masticare foglie di coca, vendute in sacchettini o in tisane, sia la «sorochi-pill» che si trova in farmacia, fatta apposta per alleviare il malessere ed evitare una permanenza a letto invece di percorrere le numerose salite della città, piene di monumenti impressionanti!

Circa una trentina di chiese e conventi, antiche case coloniali, rimangono come ferme nel tempo, in mezzo ad abitanti che spesso escono per strada a manifestare il loro scontento. Ultimamente, per esempio, si incrociavano manifestanti universitari con più di 6000 minatori che protestavano contro la nazionalizzazione delle mine. Poi dopo la sfilata di tamburi e proteste, la città torna a una calma quasi addormentata, in silenzio, per riprender vita solo di sera, quando le strade si riempiono di gente, uscita a fare compere al mercato, o di giovani venuti a scambiare quattro chiacchiere.

Le case coloniali
Passeggiate nelle stradine della città alla scoperta dei numerosi portoni e balconi delle case coloniali, la più antica è la Casa de laVicaria, situata dietro la cattedrale. Anche la Casa de las Recogidas è interessante da vedere, i pilastri del primo piano mostrano un'influenza evidente «mudejar», l'arte araba ereditata dagli spagnoli. I portoni illustrano l'horror vacui, questa paura del vuoto che caratterizza l'arte barocca.
Casa della Moneda, calle Quijarro, chiuso il lunedi. E' obbligatoria la visita guidata, di due ore circa, e quelle della signora Yolanda sono particolarmente complete. Si tratta del più grande edificio coloniale (12 500 m2) costruito dagli spagnoli sul continente americano. Già dal portone, si entra in un luogo dove ogni dettaglio è stato molto lavorato, e si attraversano i vari cortili scoprendo come si scolpivano le monete nel sedicesimo secolo, poco dopo la nascita di Potosi come città imperiale, controllate dai re cattolici di Spagna.

Terme di Tarapaya
A una mezz'oretta da Potosi non perdetevi le terme di Tarapaya, ci si va in taxi o in autobus dal mercato di Chuquimia chiedendo all'autista di farvi scendere all'inizio del sentiero di Tarapaya. In mezzo alle montagne, la laguna offre un'acqua che arriva a 35 gradi; si dice che l'Inca Mayta Capac venisse qui a farsi i bagni.

Per mangiare
Nel mercato centrale, calle Bolivar, fra Oruro e Bustillo, coloratissimo, pieno di frutta, piatti e prime colazioni a poco prezzo. Al primo piano si bevono le due bevande dolci a base di mais, l'Api e il Tojori, aromatizzate alla cannella e al garofano.
Lo Sky Room, edificio Matilde, calle Bolivar 701, all'ultimo piano, per meno di 2 euro vi propone un « almuerzo », (pranzo) regionale a base di maiale (pichanga e chacchu), anche se con l'altezza la digestione è più difficile! La vista è bellissima dai tetti della casa della Moneda.

Per uscire
El Barquito, calle Oruro, accanto all'albergo Jerusalem, un bar che esiste da più di sessant'anni, dove vanno molti locali, con un caminetto per riscaldarsi. Anche il Phisqua Warmis - che significa "le cinque donne" - ed è tenuto da 4 donne venute da diversi orizzonti. Molto bohémien, le sedie e i muri sono tutti di colori diversi e si sente buona musica in un ambiente rilassante. Calle Sucre, 56, aperto dal lunedi al sabato dalle 16 h in poi.

Per dormire
Casa de Huespedes Maria Victoria, calle Chuquisaca, 148, tel: (02)622 21 32, un'antica casa coloniale recentemente rinnovata, in pieno centro. Per meno di 7 euro troverete una stanza doppia con bagno e se le notti sono particolarmente fresche si possono chiedere borsette di acqua calda, invece del termosifone, che semplicemente, non c'è!
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of November 2007
di Guido Dolara

CuLt - Novembre 2007


 

Viaggi: muoversi per capire
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node