Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA CURA
Editoriale
Manuela Ardingo
Manuela Ardingo
CRAZY PETing!
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
LA QUIETE DEL POST-FESTIVAL
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
NOI, SPERIAMO DI FARLO CORTO
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
IL PROTAGONISTA SONO IO
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
PARADOSSALE E GROTTESCO
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
CI VUOLE ORECCHIO
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
AFFRESCHI SOCIALI
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
COSA C'E' IN BALLO?
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
MUSICA KE TRASCINA E COAGULA
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
ALTO TASSO TELLURICO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
SASSOFONO E CHITARRA
Fabio Murru
Fabio Murru
TOCCATA E FUGA
Johnson Righeira
Johnson Righeira
CANZONE DAVVERO D'AUTORE
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
SGUAZZIAMO TRA LE PAGINE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
PRECARIATO MARTORIATO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
IO SCOMMETTO SUL FUMETTO
Paola Turci
Paola Turci
LA 500 BLU
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Andrea Lisi
Andrea Lisi
UMORI MITTLEUROPEI
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
SERATE CON TUTTI I CRISMI
Desiree Nardone
Desiree Nardone
SHARING PASSION@ROME&MILAN
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
MEDITERRANEO DA SCOPRIRE
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
I PIONIERI DEL CINEMA TRASH
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
PATE'!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
SUA MAESTA', SI ACCOMODI SUL CUCCHIAIO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo XI: OMBRA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
UNA VOLTA ANCORA
Luca Beatrice
Luca Beatrice
SUPERA I CONFINI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
MAI SENZA CAPPELLO E PROFUMO
Eva Buiatti
Eva Buiatti
SE 6 UNA STREGA TI INVITO
Simona Marchini
Simona Marchini
SCOMMETTO SU DI TE
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
DALL'ECO-INNOVAZIONE ALLA GASTRO-EMOZIONE
Corsi: possibilità senza margini
Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro
NON FARTI COGLIERE IMPREPARATO!
Life&cash: economie virtuali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
RILASSATI SEI INCINTA
Juri Chechi
Juri Chechi
LA COSTRUZIONE DELLA SERENITA'
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
GLI INTELLIGENTI SIETE VOI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
COMODO E SICURO
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
NOSTALGIA DI MARE?
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
CUORE ALLEGRO E MANI ZOZZE
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
IN PRINCIPIO ERA ... IL PORCO
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
OCCHIO AL CRONOMETRO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SOGNO DI MEZZ'AUTUNNO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
E CHE CCE VO'?
Net: viaggio tra i segreti della rete
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
QUI CI VIVO IO
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
TOCCAMI
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
FESTI...VAL LA PENA!
Eva Robin's
Eva Robin's
SE X ESEMPIO SEI UN ARTISTA QUEER...
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
MOLLA IL FUMO E DATTI A VINO E MUSICA!
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MARCONDIRONDIRONDA'
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
LA GUERRA DI HALLOWEEN
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Monica Di Sisto
Monica Di Sisto
PERCHE' SI SAPPIA
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
LA DIMORA DEI FUR
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
BOLIVIA, DOVE L'IMPREVISTO E' SEMPRE POSSIBILE
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
Capitolo XI: OMBRA
L'incubo di sentirsi INutile e INcompleto
“Cara Irene,
quando sono partito avevo in mente soltanto la mia vita. Ribadisco la mia vita, non la nostra. Se avessi pensato a noi non avrei mai deciso di prendere quell’aereo. Ma, scioccamente, ero convinto che se non avessi adempiuto a una specie di precetto morale, se non avessi partecipato alla distribuzione verso l’umanità della mia fortuna, sarei stato colpito da una terribile maledizione. Ero arrivato al punto che nelle pieghe del mantello nero di un vecchio, e strano, compagno d’università, avevo visto l’angelo vendicatore che avrebbe perseguitato le mie notti. Avevo addossato a lui, o meglio al ricordo di quello che eravamo, il messaggio riguardo una mia fantomatica missione da compiere. Ho cominciato a pensare che mi attendesse un’altra vita al di là del mondo, che avrebbe potuto essere altrettanto mia di quella che stavo vivendo, o meglio, di più. L’incubo reale era quello di sentirmi inutile e incompleto, e assegnarmi un posto in prima fila in una comoda esistenza, ottusa e vuota. Visto da ora, da qui, tutto ciò mi appare nella sua luce più vera, una sequenza di raffinate e deliranti scuse. Qui non ci sono scuse che reggano, dopo tutto. Questo posto costringe a pensare, a riscrivere le storie, a rivedere le fondamenta. O a costruirle, se non ci sono.
Adesso è difficile distinguere un prima e un dopo, prima e dopo l’Africa intendo, perché quello che è successo qui è stato imprevedibile e devastante. Non riesco a trovare nessun paragone migliore di quello di una bomba. Non so se hai mai provato a immaginare quello che succede in una esplosione; fisicamente intendo. Qui le notti sono buie in un modo che ti dà le vertigini, prive come sono di ogni luce. Ebbene, è in questo buio che io ho visto e rivisto la mia sequenza dell’esplosione, come un filmato, come un documentario. Prova a pensare a una bomba che scoppia: a cosa pensi? Al botto, al rumore, forse a lingue di fuoco, al fumo, allo spostamento d’aria. Quello a cui non si pensa, a cui inizialmente non avevo pensato nemmeno io, sono i minuscoli frammenti di materia che la rendono così efficace. Una bomba non uccide con il botto, col fumo e nemmeno col fuoco, ma con migliaia di proiettili che chiamiamo schegge. Eppure automaticamente ci si tappa le orecchie e si chiudono gli occhi anche quando quei frammenti ti hanno ormai butterato il corpo. Capisci, io ho avuto paura del rumore dell’esplosione, ho cercato di nascondere gli occhi e forse scorderò le vampe, ma le schegge, le schegge non riuscirò mai a toglierle tutte. Rimarranno per sempre dentro di me.
E’ un pezzo di vita che non sono riuscito a controllare, che mi è capitata, e che ora non ho la forza di contrastare, e neppure il buon senso di incanalare. Mi sento trascinato, in attesa che mi capitino le cose. Come mi sono capitati i sentimenti di due perfetti estranei, che sono esplosi, senza metafore, e ora i loro brandelli mi si appiccicano addosso. Sono entrato nelle loro vite e ora non riesco ad uscire dalla loro morte. Perché, vedi, la morte non è una soluzione, se non per chi muore. Ed è chi resta che mi trattiene in questo posto.
C’è un bambino.
Si chiama Samuel ed è un piccolo tesoro sorridente. Mi è molto caro e sono seriamente preoccupato della sua sorte. E’ lui che è rimasto, e non voglio privarlo, in questo momento, anche della nostra piccola amicizia. Quindi, non tornerò subito. Non credo esista luogo al mondo, più che in quest’Africa, in cui la vita e la morte abbiano l’abitudine di intrecciarsi in un modo così consueto e frequente. Eppure anche il mondo visto dal fondo di una fossa mortuaria continua a vivere. E’ quell’Africa sottosopra che mi brucia la pelle e che non lenisce lo strascico di dolore e di assenza. Non ci si può abituare a questo dolore, in nessuna parte del mondo.
Restando qui ho avuto la sensazione sgradevole che l’Africa sia un enorme corpo vivo, che si nutra dei corpi dei suoi figli, che le si possa sfuggire, ma che, dopo tutto, non si possa evitare di amarla. Questo, alla fine, farà Samuel. Le fuggirà per tutta la vita ma tornerà per morirvi, per non privarla del nutrimento della sua carne; di questo sono certo.
Ma sto divagando. Comincio anche io ad assomigliare un po’ al vento degli altopiani: ho bisogno di spazio.
Dunque, Samuel verrà in Italia. Tutti i suoi cari lo hanno deciso per motivi diversi. I nonni africani perché sanno che è la sua migliore occasione, quelli italiani perché pensano che sia naturale vivere in un posto civile e non in mezzo a capanne di fango. Del resto Samuel è, più o meno, cittadino italiano. E, oltre tutto, corre veloce.
Non mi stupirei se allenato come si deve, entrasse nella nazionale di atletica e vincesse una medaglia olimpica: il primo mezzofondista italiano degli altipiani. Lo vedo, che vince e ride, camminando sulla pista tra i flash dei fotografi che lo immortalano coperto da un tricolore. Vedo anche me in quello stadio, nascosto nelle tribune, in mezzo ai tifosi. Mi piacerebbe essere nel futuro di questo bambino. Lo avrai già capito da sola, ormai. Tu capisci un sacco di cose.
Tuo Amedeo”
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of November 2007
di Guido Dolara

CuLt - Novembre 2007


 

Httivare: il mio romanzo
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node