Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UNA STRADA BLU
Editoriale
La Sapienza Laboratori
La Sapienza Laboratori
BRANDIZZATI E FELICI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
30 GIORNI DA MOZZARE IL FIATO
Rosalinda Cappello
Rosalinda Cappello
SIAMO TUTTI REGISTI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
GUERRE FREDDE VIDEOLUDICHE
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
SCHERZI INCUBI E PAURE
Onde: tv per il mondo
Giulia Baldi
Giulia Baldi
CURIOSI DA MORIRE
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
BONA TEMPORA CURRUNT
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
METTITI IN GIOCO SUL FUTURO
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
QUESTIONE DI MARKETING O CLASSE D'ARTISTA?
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
6 SENSIBILE AL DOLORE?
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
CLASSICA E SACRA ALLA DERIVA
Fabio Murru
Fabio Murru
PAELLA RICCA
Johnson Righeira
Johnson Righeira
TI VA UNA PIZZICA?
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LO STRANO E' CHE SI RIDE...
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
LA MIA PASSIONE E' LA MIA DANNAZIONE
Salvatore Satta
Salvatore Satta
SAGGI E PUFFI
Paola Turci
Paola Turci
MA LE OLIVE SONO COMPRESE?
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Andrea Lisi
Andrea Lisi
PRONTI A TIRARE L'ALBA?
Marcello Amoruso
Marcello Amoruso
LE ORE PICCOLE + HOT
Desiree Nardone
Desiree Nardone
WINE RELAX & MOZZARELLA TIME
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
STAVOLTA PARLIAMO DI DONNE!
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
VIZIETTI ALL'ITALIANA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
CUCINA KASHER!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
IL CIBO DELL'ANIMA
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo X: SCELTE DIFFICILI
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
DESERTI DA RIEMPIRE
Luca Beatrice
Luca Beatrice
REALE O IMMAGINARIO?
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
INSOLITO E INATTESO
Eva Buiatti
Eva Buiatti
MANGIAMI TUTTA
Simona Marchini
Simona Marchini
PALEOCRISTIANI: RIVOLUZIONARI DELL'IMMAGINE!
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- recensioni NoRD
- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
TUTTI I MODI X ESPRIMERSI
Corsi: possibilità senza margini
Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro
COSI' MI MIGLIORO LA VITA
Life&cash: economie virtuali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
LO SPORT MIGLIORE? IL SESSO
Juri Chechi
Juri Chechi
WE CAN DO MUCH MORE
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
SFIZI E SERVIZI
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
QUANDO L'HITECH CI CAMBIA LE ABITUDINI
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
FRUTTA MULTIVITAMINICA
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
LARGO ALLA FANTASIA
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
ONOTERAPIA: 1 ASINO x AMICO
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
ARRRR...AMPICARSI TRA LE NUVOLE!
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
EVENTI GIUSTI DALLA PARTE SBAGLIATA
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
WEB CONTRO TV: 1 A ZERO
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
SORPRESE BELLE E BRUTTE
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
AUTUNNO NERO BOLLENTE
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
UNA PENNELLATA TI CURERA'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
LAICITA' E COSCIENZA
Eva Robin's
Eva Robin's
CONDOMINIUM GARDEN
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
L'INFINITO E IL FINITO
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

Franco Andreucci
Franco Andreucci
CHE MI FREGA DELL'ITALIA?
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
DIMENTICA BUENOS AIRES, QUESTA E' L'ALTRA ARGENTINA
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
LA MIA PASSIONE E' LA MIA DANNAZIONE
Il mondo precario e illusorio dei giovani d'oggi raccontato attraverso una passione che divora. Con la penna di un blogger.
Marco Candida
La mania per l’alfabeto

(Sironi, € 14,00)

Marco Candida, attivo e conosciuto blogger, pubblica per Sironi il suo primo libro, un concentrato di ossessioni e paura che è la storia di Michele, 20cinquenne maniaco della parola. La vita di Michele, concentrata in foglietti sparsi per la casa, pensieri e idee che spera un giorno di poter inserire nel suo libro, sono un buon espediente per raccontare il mondo precario e illusorio in cui spesso vivono i giovani d’oggi. La mania dell’alfabeto è a tratti faticosa, ma procede inesorabile fino a quando il mondo reale e irreale troveranno un punto di congiunzione, poco prima di essere divorati l’uno dall’altro.

Michele sembra degno esempio della classe che rappresenta. Lavora nel mondo della cultura, ma è un precario sfruttato. E' davvero così disastrosa la situazione? Che esperienza hai con la scrittura?
Michele è divorato dalla passione per la scrittura, e questo è come se lo spaccasse in due dimensioni: la dimensione della quotidianità, che lo vuole reattivo, pronto, capace, e lo incalza, anche in modo spietato, e la dimensione delle sue fantasticherie dove il tempo sembra non esserci più e dove lui è il solo padrone. Si trova, pertanto, in una situazione di conflitto tra i suoi bisogni e i suoi desideri, che sembrano proprio inconciliabili. La mania per l’alfabeto non emette un giudizio sul mondo del lavoro, cerca soltanto di mostrarlo, e anzi nella seconda parte, in un certo passaggio, Michele non si lamenta del suo lavoro, magari si lamenta delle persone che lo costringono in situazioni vessanti, in quello che oggi si chiama mobbing, ma non si lamenta del suo lavoro, e pensa anche che sia un bene prezioso, che qualunque lavoro sia un bene prezioso, e per questo si sente fortunato. Certamente, come lettori viene da domandarsi, e legittimamente, se una persona che scrive sia destinata a questi scontri così frontali, e violenti, con il mondo del lavoro, se le due cose, appunto, siano tanto inconciliabili. Su questo ti dirò che in fondo la storia di Michele non è che la storia di un venticinquenne che vorrebbe essere integrato, ma non ci riesce per una specie di dannazione, che per lui è rappresentata da questo desiderio irriducibile di voler scrivere. Con Michele, insomma, si cerca di raccontare la condizione di tutti quei giovani nutriti di sogni e di belle prospettive che poi devono fare i conti con un mondo tutto diverso da quello che gli è stato raccontato.

La scrittura diventa per Michele un'ossessione, l'ossessione delle parole. Tu che rapporto hai con la scrittura?
Sarebbe come domandarmi che rapporto ho con il mio naso o con i miei occhi o con le mie mani o i miei piedi. La scrittura è qualcosa che ormai mi appartiene completamente. E’ una parte di me. Non passa giorno e non è passato giorno mai da quando ho cominciato a saper scrivere e fare di conto che non abbia a che fare con la scrittura. Stando così le cose, non saprei se definirla un’ossessione, e nemmeno saprei connotarla in qualche altro modo. Se considero la scrittura una cosa simile al mio naso o ai miei occhi, mi sembra piuttosto insensato domandarmi se scrivo ossessivamente. Sarebbe come domandarmi se respiro ossessivamente, o se vedo ossessivamente. Mi spiego?

Che rappresenta per te questo esordio? E' stato meticoloso e ossessionante come per Michele?
Questo esordio rappresenta la possibilità di poter uscire di casa e poter dire “Io scrivo” senza dovermi vergognare di questo. Ho passato quattordici anni a scrivere senza dirlo a nessuno – a vivere due vite, si può dire anche così. E’ stato brutto. Molto brutto. E Internet, in parte, ha curato questa situazione per cui puoi dire che giochi a calcio nel campetto della tua città tutti i giorni, che hai l’hobby del footing, che ti occupi di giardinaggio, e praticamente puoi dire qualsiasi cosa e far passare come hobby qualsiasi cosa, ma se provi a dire che ti piace scrivere, che scrivi romanzi, peggio ancora se poesie, e specialmente se lo dici non essendo un notabile della città, ma un ragazzo giovane, giovanissimo, e anche se fai passare tutto questo solo e soltanto per un hobby, anche se su questo hobby hai puntato tutto, ti guardano storto, con un poco di sospetto, e non trovi nessuno che condivida le tue scelte, i tuoi gusti, che chiacchieri un po’ con te. Adesso, invece, con Internet in parte, ma soprattutto con la pubblicazione la cosa è migliorata. Respiro un po’ di più da questo punto di vista. Anche se almeno una volta alla settimana incontro qualcuno che mi dice: “D’accordo, ma che lavoro fai?”.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of October 2007
di Guido Dolara

CuLt - Ottobre 2007


 

- UnDERSIze
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node